Carnia MOO
Scopri La CARNIA
Tematiche Ambiente e Natura Arte e Cultura Ristorazione Ospitalità Relax e Benessere Servizi Shopping Sport

Area Archeologica di San Martino

Comune: Ovaro

Tematica: Arte e Cultura

Categoria: Siti Archeologici

4015_g
Coordinate: 46.4882, 12.8625

La scoperta della basilica paleocristiana, effettuata in seguito all'emergere di tracce murarie sotto il pavimento della chiesa tardogotica di S. Martino, costituisce un evento di grande valenza storico-culturale, oltre che religiosa, non solo per il Canale di Gorto, ma anche nel contesto della vastissima regione segnata dalla cultura aquileiese.
Le strutture, risalenti a fine sec. IV – inizio sec. V, fanno pensare a una base missionaria che la Chiesa Madre volle piantare nell'epicentro della Carnia per evangelizzare le popolazioni alpine.

L'area archeologica è costituita dalla grande basilica e dal battistero, situati rispettivamente a nord-est e all'interno della chiesa di San Martino.
Nella basilica paleocristiana sono ravvisabili due aule (nord e sud) separate da un'unica parete; l'aula nord, destinata ai catecumeni, conserva una struttura quadrata riservata alle reliquie cui dovevano rendere omaggio coloro che avevano appena ricevuto il sacramento del battesimo. Nell'aula sud sono visibili tracce del banco presbiteriale dove trovavano posto i presbiteri durante le liturgie.
Numerose sono le tombe emerse nell'area archeologica; esse risalgono ad epoche diverse (dal sec. VI al sec. XI) e sono riferibili a popolazioni autoctone e slave, come testimoniato dai diversi riti di sepoltura e dalle analisi condotte sui resti scheletrici rinvenuti al loro interno. 
La complessa storia dell'area archeologica si può così riassumere:
-villa tardo-antica (sec. IV – inizio sec. V)
-complesso basilicale (inizio sec. V)
-distruzione e riutilizzo della basilica a scopi abitativi e sepolcrali (fine sec. VI – inizio sec. VII) 
Il battistero è costituito da una vasca battesimale databile al sec. V, la cui forma esagonale rinvia senza dubbio alla cultura aquileiese, posta al centro di una struttura muraria poligonale, parzialmente riconoscibile, frutto della ricostruzione (sec. X – XI) dell'originario battistero paleocristiano.
Una sofisticata pavimentazione in vetro posta all'interno della chiesa trecentesca consente di ammirare gli eccezionali rinvenimenti e al tempo stesso di proteggerli e conservarli.

Contatti
Indirizzo: Strada Statale 465
Telefono: 0433-67358
E-mail: proloco_ovaro@libero.it

Commenti


Per poter inserire dei commenti devi aver effettuato l'accesso
Questo sito è stato realizzato nell'ambito del progetto "BIT GENERATION
Promozione dell'accesso alla società dell'informazione in contesti montani",
finanziato dall'Unione Europea nell'ambito del programma Interreg IV Italia – Austria.